25 professionisti del blog rivelano i più grandi errori che i blogger fanno quando monetizzano un blog

Il mondo digitale permette a chiunque di essere un imprenditore al giorno d'oggi. Anche se non è l'unico modo per ritagliarsi un business online, il blogging è uno dei mezzi più popolari per mettere piede nel mondo digitale sulla via dell'imprenditorialità. Mentre il blogging può anche essere un punto di ingresso per gli imprenditori per costruire un pubblico prima di avventurarsi in altre opportunità come il public speaking, ci sono miriadi di modi per monetizzare un blog oggi.

Ad esempio, un blogger che scrive di design grafico e vende prodotti digitali attraverso Etsy può aggiungere un Pulsante Etsy follow al loro blog, inviando i loro fedeli lettori direttamente al loro negozio onlineche può contribuire a incrementare le vendite. I blogger possono vendere una varietà di prodotti per monetizzare il loro blog, da prodotti digitali e corsi online a merce fisica ("mercanzia") come felpe con cappuccio e tappetini per il mouse.

Alcuni blogger offrono alcuni contenuti gratuitamente e mettono i loro contenuti più approfonditi e preziosi dietro un paywall o semplicemente chiedono ai lettori di contribuire attraverso donazioni. I blogger che creano anche contenuti video per piattaforme come Vimeo possono impostare un servizio di abbonamento video e installare il Pulsante Vimeo follow sul loro blog per dare ai visitatori un modo semplice e veloce per seguire il loro canale. Date loro abbastanza contenuti gratuiti da far sì che desiderino di più, e trasformerete quei followers in abbonati a pagamento. Affiliate marketing, posti sponsorizzati a pagamentoe gli annunci a pagamento attraverso piattaforme pubblicitarie come Google AdSense sono alcuni dei più antichi metodi di monetizzazione dei blog, e sono ancora oggi molto popolari.

Ci possono essere un sacco di modi per monetizzare un blog, ma questo non significa che una qualsiasi strategia di monetizzazione possa funzionare per il vostro blog. La scelta della giusta strategia di monetizzazione e la sua attuazione strategica giocano un ruolo importante nel vostro successo. Per conoscere i più grandi errori che i blogger commettono quando monetizzano un blog - e cosa si può fare per evitare di commettere questi errori - abbiamo contattato un panel di professionisti del blog e di esperti di marketing digitale e abbiamo chiesto loro di rispondere a questa domanda:

"Qual è il più grande errore che i blogger fanno quando monetizzano un blog?

Incontra il nostro gruppo di professionisti del blog e di esperti di marketing digitale:

Continuate a leggere per conoscere i più grandi errori che potreste commettere quando monetizzate il vostro blog e come evitarli.

Hugo Guerreiro

Hugo Guerreiro

Hugo Guerreiro è il fondatore di L'eroe degli uominidove insegna agli uomini la moda, la cura e i viaggi.

"Il più grande errore dei blogger è quello di cercare di monetizzare le parole chiave che non hanno l'intento di comprare. Alcuni termini, quando li cerchi su Google, sono solo informativi. Le persone vogliono una risposta a una domanda o una soluzione a un problema e se ne vanno dopo averlo trovato. Ecco perché è così importante capire l'intento del lettore e decidere se si devono avere link di affiliazione su quello specifico post del blog o meno".

Tim Koster

Tim Koster

Tim è il fondatore di CleverCreations. È appassionato di costruzione, riparazione e di tutto ciò che riguarda il fai da te a casa. Quando non è impegnato a scrivere su questi argomenti, potete trovarlo nel suo laboratorio.

"Uno dei più grandi errori che i blogger fanno quando si tratta di monetizzare il loro blog è quello di limitarsi a una sola fonte di reddito. Concentrandosi esclusivamente sul programma Amazon Associates, per esempio, lascia molti altri possibili flussi di reddito non sfruttati. Questo non solo limita le entrate del vostro blog, ma lo lascia anche vulnerabile, ad esempio alle modifiche delle strutture delle commissioni. Diversificando le fonti di reddito, il vostro blog è meno esposto al rischio ed è più probabile che continui a generare entrate consistenti. Quindi, quando possibile, monetizzate il vostro blog utilizzando diversi metodi. Alcuni esempi sono le reti pubblicitarie, il programma Amazon Associates e i collocamenti di prodotti a pagamento".

Anna Barker

@LogicalDollar

Anna Barker

Anna Barker è un'esperta personale di finanza e fondatrice di LogicalDollardove aiuta gli altri a imboccare la strada della libertà finanziaria utilizzando l'esperienza acquisita trasformando 60.000 dollari di debito in un portafoglio di investimenti a sei cifre.

"Il più grande errore che i blogger fanno quando monetizzano il loro blog è quello di non avere un piano a lungo termine. Un sacco di nuovi blogger si sforzano semplicemente di ottenere più pagine viste, con la consapevolezza che questo è il loro biglietto da visita per la monetizzazione, ma quello che dovrebbero davvero sforzarsi di ottenere è un pubblico impegnato.

Vale a dire, mentre una maggiore visualizzazione delle pagine può portare a maggiori entrate quando si tratta di entrate pubblicitarie, cose come il marketing di affiliazione e la vendita dei propri prodotti in genere vi farà guadagnare di più a lungo termine. Questi, a loro volta, fanno molto meglio quando il vostro pubblico è impegnato, rispetto a quelli che semplicemente cliccano e poi si allontanano da tuo sito.

Questo significa sviluppare un piano di monetizzazione a lungo termine che tenga presente questo aspetto sarà una delle cose migliori che i blogger possono fare quando si tratta di monetizzare il loro blog, in quanto offre la migliore opportunità per il vostro reddito da tuo sito di crescere nel tempo".

Jamie Hickey

Jamie Hickey

Jamie, fondatore di Semantica del caffèè un barista certificato SCA, specializzato in recensioni di prodotti e tecniche di fabbricazione della birra.

"L'errore più grande che vedo sempre dai blogger più recenti che cercano di monetizzare il loro sito è che non seguono le regole di conformità stabilite dall'affiliato. Di conseguenza, finiscono per essere sospesi o banditi. Ogni azienda ha regole diverse da seguire. Se non ti prendi il tempo di impararle e applicarle, puoi perdere molto denaro e tempo in seguito".

Benjamin Houy

@GrowWithLess

Benjamin Houy

Benjamin Houy è il fondatore di Crescere con menoUna società di formazione di marketing che aiuta i proprietari di piccole imprese a ottenere più traffico verso il loro sito web.

"Questa può essere un'opinione controversa, ma penso che il più grande errore che i blogger fanno con la monetizzazione è monetizzare il loro blog troppo presto. Monetizzare un blog e guadagnare soldi online può essere una grande fonte di motivazione, ma può anche ritorcersi contro quando l'importo guadagnato è così piccolo da creare dubbi.

La monetizzazione può anche essere una distrazione dal diventare un blogger migliore e dal lavorare su competenze essenziali, come la creazione di contenuti di alta qualità e la promozione di un blog. Ecco perché consiglio di aspettare di raggiungere almeno 5.000 visitatori mensili prima di monetizzare".

Mark Condon

Mark Condon

Mark Condon è l'amministratore delegato di ShotKit.com.

"Il più grande errore che i blogger fanno quando monetizzano un blog non prestano abbastanza attenzione al SEO. Se si vuole guadagnare denaro dal blogging, è necessario più traffico. Per ottenere più traffico, devi affidarti soprattutto ai motori di ricerca come Google, perché ti mandano visitatori di qualità che comprano da te. Qui è dove entra in gioco il SEO.

Purtroppo, la maggior parte dei principianti ignora la SEO. Non è scienza missilistica. Devi imparare a trovare parole chiave poco competitive, fare un SEO corretto on-page e costruire link attraverso il guest posting, e vedrai un sacco di traffico dalla ricerca. Ci sono molti strumenti SEO che possono aiutarvi rapidamente nella ricerca di parole chiave, nella costruzione di backlink, nell'analisi dei concorrenti e così via. Quindi siate disposti a spendere un po' di soldi per avere accesso a questi strumenti SEO di qualità, poiché vi aiutano a costruire un traffico di qualità verso tuo sito e a far crescere le vendite".

Miles Beckler

@milesbeckler

Miles Beckler

Miles Beckler è il fondatore e imprenditore di MilesBeckler.com.

"Non cadere vittima del ripieno delle parole chiave. Il keyword stuffing è quando inserisci incessantemente parole chiave nei tuoi contenuti per posizionarti più in alto nella ricerca. È comprensibile voler guidare il traffico verso il tuo blog. Tuttavia, questo è un metodo controintuitivo. Spesso abbassa di qualche grado la tua pagina quando le persone effettuano una ricerca sul tuo settore.

Di conseguenza, questo inibirà la monetizzazione del vostro blog, non la faciliterà. Questo perché l'algoritmo di ricerca è alla ricerca attiva di persone che cercano di minarlo per un ingiusto vantaggio di rango. Se scopre che si dispone di contenuti contenenti parole chiave, punisce di conseguenza. Non solo questo è dannoso in termini di autorità del vostro dominio, ma i lettori semplicemente non vorranno digerire i vostri contenuti. Non è piacevole leggere un pezzo che non ha nulla di valore da offrire. Nel complesso, questo può essere un errore costoso da fare - soprattutto se il vostro blog è una fonte di reddito affidabile per voi.

Mantenete invece la naturalezza intrecciando le parole chiave in modo naturale in tutto il contenuto, invece di forzarle dove non appartengono. In questo modo, i lettori apprezzeranno i vostri contenuti, il vostro pubblico crescerà, e così anche le vostre entrate".

Hung Nguyen

@smallpdf

Hung Nguyen

Hung Nguyen è il Content Marketing Manager di Smallpdf.

"Un errore comune dei blogger è quello di ottimizzare la monetizzazione per abbracciare i guadagni a breve termine senza considerare gli effetti a lungo termine delle loro decisioni. Un esempio lampante è l'uso di AdSense - e il fatto di permettere a Google di aggiungere annunci su articoli di blog liberamente. Sì, i clic su questi annunci avvieranno un nuovo flusso di entrate, e - a seconda del traffico del vostro blog - può essere molto interessante.

Tuttavia, gli annunci influenzano l'esperienza dell'utente, che, a sua volta, può influenzare il traffico di tuo sito web. Gli articoli difficili da leggere irritano gli utenti. A seconda delle dimensioni dei tuoi annunci, possono portare gli utenti a "rimbalzare" prima di leggere l'utile contenuto che avevi accuratamente ricercato e scritto.

La frequenza di rimbalzo è un fattore di ranking significativo e può essere dannoso per i blog che dipendono fortemente dal traffico dei motori di ricerca. Più persone arrivano, se ne vanno e cliccano immediatamente su un altro risultato dello stesso risultato di ricerca, più i motori di ricerca penalizzeranno tuo sito. Pertanto, il traffico diminuirà in modo significativo nel lungo termine - a seconda di quanto sono aggressivi i vostri annunci.

Raccomando ai blogger di utilizzare strumenti heatmap come Hotjar per accedere a come i nuovi lettori interagiscono con i loro contenuti - e come i comportamenti degli utenti sono influenzati dai nuovi mezzi di monetizzazione. Se le persone non leggono i contenuti alla fine della giornata, non ne vale la pena".

Ben Taylor

@tinylittlec

Ben Taylor

Ben Taylor è un blogger professionista dal 2009 e attualmente sta lavorando su TinyLittleChanges.comun nuovo blog che offre "consigli per migliorare se stessi per i realisti".

"Un grosso errore che molti blogger fanno è quello di mettere il reddito prima dell'integrità. Spesso il denaro "più facile" per i nuovi blogger proviene dalla promozione di offerte di affiliazione poco chiare. Farlo è una brutta cosa, moralmente parlando, e non fa nulla per creare fiducia tra i lettori. Un blog è un progetto a lungo termine, quindi è meglio concentrarsi sulla costruzione di una reputazione positiva. Concentrandosi sulla promozione di prodotti che si amano veramente, si possono fare soldi mantenendo la propria integrità. Scrivere sulle cose in cui credi è anche più facile e molto più piacevole".

Lesley Vos

@LesleyVos

Lesley Vos

Lesley Vos è uno stratega dei contenuti di Bid4Paper. Lesley contribuisce a molti siti web sul business, sul marketing digitale e sulla crescita personale. È innamorata delle volpi, di Hemingway e del jazz.

"Molti blogger non fanno alcuna ricerca prima di scegliere una nicchia (l'argomento giusto) per la loro piattaforma. Alcuni scelgono una nicchia popolare quando vedono che altri blogger ci guadagnano dei soldi; altri decidono di scrivere sul loro hobby senza avere idea di quanto potenziale di traffico ci sia". È l'approccio sbagliato, perché alcuni argomenti non sono praticabili e falliranno, indipendentemente da quanto impegno e risorse ci mettiate.

Come sapete se il vostro argomento è valido? Lo è se si può rispondere sì alle seguenti cinque domande:

  1. Ci sono blog esistenti su questo argomento con più di 10.000 fan su Facebook?
  2. Ci sono blog esistenti su questo argomento con più di 50.000 fan su Twitter?
  3. Vedi gli annunci di Google quando cerchi parole chiave relative a questo argomento?
  4. Puoi trovare qualche libro di Amazon su questo argomento con più di 20 recensioni?
  5. Ci sono parole o frasi correlate con più di 100k ricerche in strumenti per parole chiave?

Vi aiuterà a capire se l'argomento di vostro interesse ha un pubblico già esistente. Altrimenti, tutti i vostri sforzi di blogging saranno vani: nessun concorrente significa nessun backlink, nessun pubblico esistente significa nessun traffico e, di conseguenza, tutto questo significa nessuna monetizzazione a lungo termine".

James Surrey

@TopHomeWarranty

James Surrey

James Surrey è il fondatore e capo redattore di Rivedere le garanzie per la casa.

"Un errore grave è quello di includere un annuncio o un link di affiliazione in ogni paragrafo o in ogni altro paragrafo. I blogger diventano così disperati da aumentare il loro tasso di click-through rate che pensano che più annunci e link cliccabili, meglio è. È vero il contrario. La gente è bombardata da così tanti annunci che sente l'odore di un post promozionale a un miglio di distanza.

Posso attestare che questo vale soprattutto nel settore delle garanzie per la casa, dove il demografico è spesso alla ricerca di informazioni prima di tutto e non di riferimenti a mutuatari o appaltatori di ristrutturazione. I lettori non esiteranno a fare clic se ricevono anche il minimo accenno al fatto di essere stati segnalati.

Come regola generale, includere solo un singolo annuncio o un link di affiliazione per 500 parole di contenuto informativo e non promozionale. Se si aggiunge un'altra parola, l'annuncio verrà interpretato come una proposta di vendita mascherata".

Alexander Knobloch

@AlexKnobloch4

Alexander Knobloch

Alex Knobloch è il fondatore di BowAddicted.com

"Il più grande errore che i blogger fanno è quello di non far coincidere l'intento di ricerca con ciò che si sta effettivamente offrendo su tuo sito web. Quello che voglio dire è che è improbabile che si vendano pillole dimagranti se tuo sito è tutto per i cani.

Si potrebbe sostenere che, fintanto che si monetizza attraverso gli annunci, questo non dovrebbe rappresentare un problema. E questo è vero. Questo mi porta al secondo più grande errore: Cercare di monetizzare il tuo blog senza un traffico sostanziale! Secondo la mia esperienza, non vale la pena di creare annunci se non si ottengono almeno 300-500 visitatori al giorno".

Jim Pendergast

Jim Pendergast

Jim Pendergast è l'SVP di altLINEuna divisione di The Southern Bank Company dedicata alla finanza commerciale, che comprende clienti in diverse nicchie elettroniche. 

"Uno degli errori di monetizzazione più comuni è quello di non pagare le tasse trimestrali e di individuare nuovi ammortamenti. Il reddito del tuo blog monetizzato deve essere riportato in modo indipendente. Per farlo, è necessario presentare una stima delle imposte trimestrali utilizzando il modulo IRS 1040-ES, e possibilmente qualche altro a seconda della natura del tuo blog.

Vale la pena di notare che qualsiasi merce o oggetto fisico che hai ricevuto come parte del tuo blog monetizzato conta tecnicamente anche come reddito imponibile. Così, ad esempio, un blog di articoli da cucina monetizzati dovrebbe documentare e segnalare qualsiasi gadget da cucina che le marche gli inviano per promuovere. Un fashion blogger dovrebbe segnalare i capi d'abbigliamento inviati, e così via.

Come un normale business di mattoni e mortai, i blog monetizzati hanno diritto a diverse importanti detrazioni fiscali. Per aiutare a massimizzare queste deduzioni, è importante conservare le ricevute e documentare tutte le transazioni finanziarie relative al tuo blog. Questo include tutto, dalle tasse di dominio e di web hosting fino a cose come il vostro ufficio a casa o uno speciale software di blogging.

Alla fine, guarda a trattare il tuo blog monetizzato proprio come i fondatori di business trattano i loro negozi. Ci sono potenzialmente più oneri fiscali, ma anche più detrazioni e ammortamenti se gestiti in modo intelligente".

Alek Asaduryan

@Ldnbox

Alek Asaduryan

Alek Asaduryan è un blogger e un appassionato di ciclismo. Il suo sito web è SìCycling.comLa sua missione è semplicemente quella di rendere il ciclismo più accessibile a tutti.

"Secondo me, uno dei più grandi errori che i blogger fanno è monetizzare con Google AdSense. Non riesco davvero a credere a quanti blog ancora oggi si affidano ad AdSense per la loro monetizzazione quando si ottengono solo pochi centesimi ogni mille visitatori". Oggi abbiamo alcune incredibili reti pubblicitarie ad alta tecnologia come Mediavine, Ezoic e AdThrive che pagano almeno 10 volte di più di AdSense. In alcune nicchie, possono pagare anche di più.

E la buona notizia è che è possibile cambiare rete pubblicitaria in pochi giorni senza troppi problemi. Richiede solo conoscenze tecniche minime. Secondo la mia esperienza personale, questo è probabilmente il modo migliore per aumentare le entrate senza spendere soldi e senza aggiungere altri contenuti a tuo sito web. Funziona a meraviglia!

Paul Franklin

@Lato_di_guadagno_di_cquisizione

Paul Franklin

Paul Franklin è il proprietario del SideGains blog, che fornisce tutorial e informazioni su tutti gli aspetti del blogging.

"Uno dei più grandi errori che molti blogger commettono è quello di non testare a fondo un determinato canale di monetizzazione prima di decidere se è efficace . Per esempio, il semplice fatto di buttare qualche annuncio su una pagina e decidere dopo un mese che è un brutto modo di monetizzare non è un modo empirico per determinare il suo potenziale di generare entrate.

Il numero di annunci sulla pagina, dove vengono inseriti, e i colori utilizzati per sottolinearli dovrebbero essere tutti accuratamente testati per determinare se c'è una formula che funziona. Dovrebbe anche essere dato un tempo sufficiente ad ogni test per consentire la raccolta di dati sufficienti per capire quanto bene o male ha funzionato. Questo approccio si applica a qualsiasi tecnica di monetizzazione: testare e modificare metodicamente per vedere se è possibile ottenere dei guadagni, indipendentemente dal successo o meno".

Madhusree Basu

@bestplaygear

Madhusree Basu

Madhusree è stato un blogger a tempo pieno negli ultimi due anni e gestisce tre blog, tra cui Migliore Gioca Gear. Prima di allora, Madhusree era un ingegnere del software.

"Piuttosto che il tipo, penso che l'errore più grande quando si monetizza un blog sia quello di concentrarsi su una sola fonte di traffico. Per esempio, la maggior parte di noi si affida molto a Google. Nel dicembre 2020, Google ha lanciato un aggiornamento di base, e uno dei miei blog ha perso quasi il 70% del traffico organico da un giorno all'altro, nonostante fosse un sito di white-hat.

Ora immaginate, se questa è l'unica fonte di traffico, il vostro intero reddito evaporerà durante la notte. Quindi non importa quanto il vostro blog sia ottimizzato per la monetizzazione. Se non c'è traffico, non c'è guadagno".

Siobhan Alvarez

Siobhan Alvarez

Siobhan Alvarez è la madre di due giovani figli e condivide il suo percorso materno sul suo blog Mimose e maternitàdove condivide ricette facili, progetti di bricolage, consigli per la gravidanza, consigli per i genitori e altro ancora. Dopo aver imparato a trasformare il suo blog di hobby in un reddito a tempo pieno, mentre lavora anche al di fuori di un lavoro a tempo pieno, Siobhan ora insegna anche ad altre donne come avviare blog redditizi nel loro tempo libero. 

"Come blogger, l'errore più grande che ho fatto personalmente quando ho iniziato (e l'errore numero uno che vedo fare anche a molti nuovi blogger), è stato quello di non condividere i link che risolvono veramente il problema che il lettore sta cercando. Quando qualcuno finisce sul tuo blog, di solito è perché ha fatto una domanda a un motore di ricerca e tuo sito è quello su cui ha scelto di cliccare. Viene alla tua pagina in cerca di una risposta e non vede l'ora di cliccare su potenziali prodotti o risorse che possano aiutarlo a risolvere il problema.

Se un blogger non condivide i link rilevanti che aiutano a risolvere il problema, non vedrà i risultati che spera di ottenere con la monetizzazione attraverso i link di affiliazione. Un grande esempio nella mia nicchia è se qualcuno sta cercando i migliori prodotti per l'allattamento su Amazon, ma il tuo post è pieno di bottiglie e accessori. Anche se è simile in quanto i prodotti che condividi sono legati all'allattamento al seno, non è questa l'informazione che il lettore cercava".

Jessica Formicola

@Cucina_Savoria

Jessica Formicola

Jessica Formicola è la proprietaria di Esperimenti salatiun sito che si concentra sui pasti familiari che sono di qualità da ristorante utilizzando la nostra filosofia 4S: sale, condimenti, salse e scambi e offrendo una portata elettronica gratuita, Come essere un cuoco di casa migliore.

"I blogger fanno molti errori quando monetizzano, ma il più grande non è la formattazione dei post per consentire lo spazio pubblicitario dalla genesi del sito web, non solo quando si colpisce il numero magico per fare domanda per le reti pubblicitarie. Questo significa limitare un paragrafo a due, forse tre frasi. Fare questo è meglio per l'esperienza dell'utente, perché la gente tende a scremare invece di leggere gli articoli di internet, ma dà anche al tuo network pubblicitario più posti da spremere in un annuncio. Aggiunge lunghezza al post, il che aumenta il tempo di visualizzazione degli annunci sulla barra laterale e la durata complessiva della pagina. Si può avere una sana quantità di annunci senza avere uno ogni altro paragrafo e senza essere fastidiosi, ma godendo comunque di buoni introiti pubblicitari".

Alison Knott

@AlisonK_Consult

Alison Knott

Alison Knott è un consulente web canadese che lavora con le aziende di servizi per portare la loro presenza online ad un livello superiore. Parla a livello internazionale su argomenti di business, web e creatività. Ha anche ricoperto incarichi di insegnamento presso il NSCC IT Campus e la NSCAD University.

"Il più grande errore che i blogger fanno quando monetizzano un blog è quello di non capire il loro traffico attuale. Puoi avere i contenuti migliori, ma se non sai come e perché la gente visita tuo sito, i tuoi sforzi possono passare inosservati. Il web è stato pensato per essere misurato; non abbiate paura di reggere il metro di valutazione! Ecco alcuni consigli utili per i blogger che vogliono sfruttare il loro traffico per monetizzare:

  • Impostate e familiarizzate con Google Search Console e Google Analytics. Questi strumenti forniscono una grande quantità di informazioni - e sono gratuiti!
  • Google Search Console fornisce fino a 16 mesi di dati storici. Ti dice quali termini le persone hanno usato quando i tuoi post sono apparsi nei risultati. Potete vedere rapidamente se vi state già presentando per i termini che volete, o se avete più contenuti da creare. Potresti anche trovare nuovi termini che non ti sono venuti in mente e per i quali ti sei già classificato. Monetizzate questi argomenti! Potete anche visualizzare questi dati ordinati per pagine o paesi per aiutarvi nella vostra strategia di contenuti.
  • Google Analytics raccoglierà i dati solo dopo averli impostati. Quindi installatelo prima possibile! È molto potente nel dirvi il comportamento del vostro traffico. Puoi usarlo per capire quanto tempo le persone passano a leggere i tuoi contenuti, o se stanno lasciando il sito senza cliccare sui tuoi link di affiliazione. Puoi segmentare i dati in base alla provenienza del traffico: organico, sociale, la tua newsletter o altri canali.
  • Non c'è bisogno di sapere tutto su queste due piattaforme. Alcuni video di YouTube per principianti vi aiuteranno ad iniziare. È meglio capire alcune verità sul vostro traffico piuttosto che basarsi solo sulle vostre supposizioni.
  • Attenzione alle statistiche di vanità! Un sacco di pageview su un post in cima al blog non significa nulla per la vostra linea di fondo se i visitatori non si stanno convertendo. Lo stesso vale per un post su Facebook con un sacco di "Mi piace" che non porta a un traffico di qualità su tuo sito. Concentratevi meno sui numeri più grandi e più sul comportamento complessivo del vostro traffico".

Rebeca Sena

Rebeca Sena

Rebeca è un ex architetto con sede a Londra che è diventato imprenditore e direttore marketing. Combinando il suo talento e la sua esperienza, ha creato un'agenzia di marketing che fornisce servizi ad architetti e interior designer e li educa a tutti gli aspetti del marketing moderno e dell'imprenditorialità. Attualmente è consulente di marketing architettonico presso GetSpace.digital.

"Presentare metriche irrilevanti ai marchi interessati alla cooperazione può ostacolare gli sforzi di monetizzazione. Il media kit presentato dai creatori di contenuti dovrebbe offrire informazioni sul pubblico del blog che siano rilevanti per il marchio che intende stabilire una partnership redditizia.

Enfatizzare le metriche della vanità, come il numero di tutte le visite, i gusti e l'impegno, può limitare le opportunità di valore. Nonostante siano un indicatore di popolarità, questi numeri non offrono alcuna informazione rilevante per aiutare a prevedere la performance della partnership con il pubblico target. Spesso tendono ad essere gonfiati o irrilevanti per il pubblico del marchio.

Un buon media kit deve presentare approfondimenti sulla ripartizione demografica e comportamentale del pubblico per supportare le metriche di efficienza del marketing come il tasso di conversione, il CTR e il ritorno sulla spesa pubblicitaria.

La combinazione di queste due categorie di dati è fondamentale per creare un caso completo che consenta al marchio di definire l'obiettivo della partnership con il creatore del contenuto. Di conseguenza, la cooperazione può focalizzarsi sulla consapevolezza del marchio, sulla guida delle vendite o semplicemente sul coinvolgimento del pubblico".

Bryan Philips

@InMotionMKTG

Bryan Philips

Bryan Philips è il responsabile del marketing di Marketing in movimento.

"Quando si monetizza un blog, è importante ricordare che gli annunci o gli spot promozionali non sono i principali motori di guadagno. Lo siete voi. Gli annunci ti danno denaro solo se la gente viene al tuo blog per leggere i tuoi contenuti. Devi fornire contenuti di qualità e commercializzare attivamente i tuoi contenuti per ricavarne un reddito sostanziale.

Non limitatevi a vendere e promuovere. I link di affiliazione di Amazon e altre tattiche promozionali orientate ai prodotti per monetizzare un blog possono portare profitto, ma vendere in eccesso questi prodotti danneggia la credibilità di un blog. Puntate a un rapporto di circa 3:1, dove tre post non vendono assolutamente nulla, ma forniscono solo valore ai vostri lettori, e poi uno in cui si promuove un prodotto di affiliazione come recensione".

Heather Ritchie

@Writerslife78

Heather Ritchie

Heather Ritchie è la scrittrice freelance e blogger dietro La vita dello scrittore per te e Blogger's Life for You. Aiuta le donne che vogliono lasciare il loro 9-5 e lavorare da casa come scrittrice freelance e i nuovi blogger a creare blog di successo.

"Uno dei più grandi errori che vedo ha a che fare con l'affiliate marketing, uno dei modi più semplici per fare soldi come blogger. I nuovi blogger non vogliono disturbare le persone, quindi inviano una sola email di vendita, e questo è tutto. Gli esperti come HubSpot spiegare che ci vuole più di un tocco per fare una vendita. Raramente la gente compra dopo la prima email, quindi ci vuole un continuo nutrimento e più email per avere più successo".

Alexandra Seagal

@AnimalsoBlog

Alexandra Seagal

Alexandra Seagal è co-fondatrice e caporedattrice di Animalso.

"Monetizzare il tuo blog può essere una prospettiva allettante quando si inizia tuo sito web, ma innamorarsi di uno o più errori da principiante è facile. Quando le pagine vengono visualizzate, alcuni tendono a dimenticare l'impegno dei loro contenuti e il significato della loro piattaforma online. Piuttosto, si concentrano sui numeri e cercano di aumentarli. La cosa migliore da fare è rimanere fedeli a ciò che ti appassiona, e il blog fiorirà naturalmente".

David Cusick

@Casa_Metodo

David Cusick

David Cusick è il CSO e direttore esecutivo di Metodo Casa.

"Il più grande errore che i blogger fanno quando monetizzano un blog non è costruire prima una base di pubblico. Il denaro non arriva subito dopo la pubblicazione del blog e il lancio di un prodotto. È necessario avere prima di tutto un pubblico, e questo avviene nel tempo. Per iniziare, devi produrre contenuti, promuoverli e coinvolgere i tuoi lettori mentre costruisci il tuo followers. Quando hai un pubblico impegnato, puoi poi monetizzare il tuo blog con gli e-prodotti.

Un altro errore è quello di concentrarsi solo sui numeri. Anche se è bello avere centinaia o migliaia di followers, non importa che non si interessino ai vostri contenuti. Quindi, non concentratevi solo sulla costruzione dei numeri. Dovete fornire loro qualcosa che li avvantaggi. Non dimenticate di produrre contenuti eccellenti su misura per le esigenze del vostro pubblico.

Infine, molti blogger commettono l'errore di cercare di prendere di mira tutti. Identificare una nicchia e il vostro pubblico ideale renderà il vostro blog più rilevante. Trovate una cosa su cui concentrarvi, che vi aiuterà a stabilire la vostra autorità e la visibilità del vostro marchio. Quando lo riterrete opportuno, potrete considerare l'opportunità di espandere la vostra attività".

Nina Krol

@zety_com

Nina Krol

Nina Krol è la Outreach Manager di Zety.

"Avviare un blog SOLO per fare soldi. Sia chiaro: non c'è niente di male a fare soldi con il tuo blog. Ma se vi lasciate sedurre solo dalla visione del guadagno e iniziate il vostro blog con un focus esclusivo sul profitto, state commettendo un grosso errore.

Se un blog deve essere redditizio, ha bisogno prima di tutto di una comunità impegnata di lettori e visitatori abituali. Questa comunità dovrebbe essere attiva, leale e disposta a raccomandare ulteriormente il vostro blog. Una tale folla dedicata è spesso acquisita attraverso un lavoro sistematico e devoto fatto per mesi, a volte anni. L'interesse significativo e tangibile dei lettori e la popolarità del blog sono una ricompensa per un lavoro ben fatto, e solo allora l'idea di guadagnare soldi con il tuo capolavoro ha una possibilità".


Per monetizzare efficacemente il tuo blog, devi prima di tutto far crescere il tuo pubblico. Ecco perché ogni blogger dovrebbe installare i social media seguono i pulsanti sul loro blog. Sono facili da installare e gratuiti da usare, rendendo facile per i vostri visitatori seguirvi sulle loro piattaforme di social media preferite per ottenere da voi più contenuti che amano. Creare contenuti video per i vostri fedeli fan? Installare il Pulsante segui YouTube e il Pulsante Vimeo follow in modo che i vostri lettori possano seguire i vostri canali in pochi secondi e assicurarsi di non perdere mai una nuova uscita video!

Informazioni sull'autore
ShareThis

ShareThis ha sbloccato il potere del comportamento digitale globale sintetizzando i dati di condivisione sociale, interesse e intenzione dal 2007. Alimentato dal comportamento dei consumatori su oltre tre milioni di domini globali, ShareThis osserva le azioni in tempo reale di persone reali su destinazioni digitali reali.

Chi siamo

ShareThis ha sbloccato il potere del comportamento digitale globale sintetizzando i dati di condivisione sociale, interesse e intenzione dal 2007. Alimentato dal comportamento dei consumatori su oltre tre milioni di domini globali, ShareThis osserva le azioni in tempo reale di persone reali su destinazioni digitali reali.